Sant'Antioco

La cittadina di Sant'antioco fu fondata dai fenici nel VIII secolo A.C., divenne presto una delle più importanti città del mediterraneo.
Dopo un periodo di crisi sotto la dominazione cartaginese, in età romanica si assiste alla rinascita della città. I più importanti resti archeologici che possiamo trovare risalgono al periodo fenicio-punico. La necropoli di tombe a camera scavate nella roccia è situata sotto il fortino Sabaudo. Nella vicinanza del quale sono ancora visibili resti dell'antica città. L'Acropoli fu fortificata dai punici prima e dai romani poi, sono visibili resti del colonnato del tempio romano nel quale sono state rinvenute anche le due statue di leone fenicie riutilizzate dai romani. Le catacombe si trovano al di sotto della cattedrale intitolata a Sant'Antioco. La particolarità di queste catacombe è che sono state costruite sfruttando i precedenti ipogei punici, ampliandoli e costruendo passaggi fra le tombe talmente intricati da costituire un vero e proprio labirinto.

Sant'Antioco